QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTREMOLI
Oggi 13°16° 
Domani 10°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lunigiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali lunigiana
martedì 26 settembre 2017

Politica lunedì 13 febbraio 2017 ore 10:55

"Scuole, noi abbiamo fatto tutto il possibile"

Si difende così Silvia Magnani dagli attacchi della lista civica Idee in Comune che le attribuisce, dopo la Regione, la responsabilità dei ritardi

AULLA — Idee in Comune ha, infatti, attaccato l'ex sindaco attribuendole le responsabilità della mancata inaugurazione del nuovo polo scolastico a causa di ritardi nella bonifica e nella realizzazione delle opere di urbanizzazione. Ma Magnani non ci sta, e ci tiene a far sapere la sua versione delle cose.

"Non mi sono mai sottratta né alla polemica né alle responsabilità - afferma l'ex sindaco in una nota - ed è per questo che sento l’obbligo di rispondere agli sconosciuti firmatari di accuse infondate relative alla costruzione delle nuove scuole. Ricordo agli autori del documento che l’alluvione di Aulla è avvenuta nel 2011 e che, da quella data, la Regione Toscana si è assunta l’impegno, non ancora mantenuto, di ricostruire le scuole nell’area dell’ex stazione ferroviaria. Compito del Comune era quello di realizzare le opere di urbanizzazione e le bonifiche di un’area, come quella dell’ex stazione ferroviaria dove, negli anni, è stato scaricato ogni genere di rifiuto, organico e industriale."

"Di ogni passaggio - prosegue Magnani - abbiamo informato le famiglie e il corpo insegnante con incontri pubblici con gli amministratori regionali ai quali i rappresentanti ufficiali di Idee in Comune si sono ben guardati dal presenziare.
Questo spiega, ma non giustifica, la loro gravissima carenza di conoscenza del problema che oggi si trasforma in strumentalizzazione inaccettabile. Durante i due anni del mio mandato abbiamo lavorato ogni giorno, con tutti gli strumenti utili, con pochi mezzi e con le scarse risorse umane disponibili, per mettere a disposizione le aree tanto che, per accelerare e rendere più sicure le bonifiche, abbiamo chiesto alla Regione di nominare un commissario ad acta."

Per quanto riguarda le attività in carico al Comune: "Abbiamo nominato un dirigente dipendente che avesse le caratteristiche professionali richieste in mancanza della titolare dell’ufficio che si trovava in maternità. Nessuno può negare che durante la mia amministrazione i lavori di costruzione delle scuole sono stati ultimati ma non vengono consegnati per inadempienze di chi oggi è responsabile della macchina comunale."

Quindi conclude. "Invito perciò gli estensori del documento a riflettere sul fatto che dal 2011 ad oggi il Comune è stato affidato per due volte a una gestione commissariale e nel corso di queste supplenze prefettizie, tutto si è sempre fermato. L’esempio più eclatante è quello dell’asilo. Chiedano spiegazioni, i paladini della trasparenza e i gonfalonieri delle responsabilità a senso unico, i motivi di questi ritardi non a me ma a chi oggi governa e amministra."

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca