QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTREMOLI
Oggi 11°17° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lunigiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali lunigiana
giovedì 14 novembre 2019

Attualità sabato 30 luglio 2016 ore 17:14

Agricoltori apuo-lunigianesi sul piede di guerra

“Selvatici crescenti, agricoltori calanti”,  è questo lo slogan che accompagnerà migliaia di agricoltori esasperati, martedì 2 agosto a Firenze



LUNIGIANA — Agricoltori e allevatori apuo -lunigianesi sfileranno di fronte alla Regione Toscana, per protestare contro il proliferare incontrollato degli ungulati, cinghiali, daini, caprioli, volatili ma anche predatori, lupi e canidi, che devastano le coltivazioni, falcidiano i greggi, mettono a rischio la sicurezza del territorio e rappresentano sempre più un pericolo per la collettività. Gli agricoltori chiederanno l’applicazione della legge obiettivo per gli ungulati (L.R. 10/2016) che fin qui ha disatteso tutte le aspettative. Un’emergenza, quella degli ungulati e sempre più degli attacchi dei lupi, molto sentita in Lunigiana dove i raid dei cinghiali e dei predatori sono ormai all’ordine del giorno e rappresentano un gravissimo limite per l’agricoltura. Dal 2000 al 2014 la fauna selvatica ha prodotto oltre 1,2 milioni di euro di danni “certificati” dall’Atc agli agricoltori: in 1 caso su 2 i colpevoli sono i cinghiali. Lo stato di agitazione è stata deciso dal Direttivo Regionale di Coldiretti Toscana. A sostegno dell’iniziativa è stato lanciato anchel’hastag #riprendiamocilterritorio a rafforzare ulteriormente il messaggio della protesta. Previsto anche un presidio con centinaia di trattori sul Lungarno Aldo Moro di fronte alla sede della Rai. “Non c’è altra soluzione se non quella di scendere in piazza nuovamente. – commenta Vincenzo Tongiani, Presidente Coldiretti Massa Carrara – Il numero di esemplari che popolano i nostri boschi è fuori controllo. Fanno danni all’agricoltura ma sono anche un pericolo per la comunità”.

In Piazza Duomo arriveranno, già dalle prime ore della mattina, agricoltori ed allevatori da tutte le province della Toscana per rivendicare la volontà di produrre per i cittadini-consumatori e non per animali selvatici e predatori. Dalla provincia di Massa Carrara partiranno centinaia di agricoltori ed allevatori. L’emergenza ungulati è già costata, negli ultimi cinque anni, 100milioni di euro di danni all’agricoltura ed è la causa 3 incidenti stradali al giorno. Secondo Coldiretti Toscana sono 450 mila gli esemplari a “piede libero”, il 70% sono cinghiali colpevoli di contribuire all’impoverimento della fauna e della flora del bosco e del sottobosco.

“Gli strumenti ci sono, e sono la legge obiettivo ed il piano lupi, ma non sono applicati. L’emergenza selvatici – commenta Maurizio Fantini, Direttore Coldiretti Massa Carrara - è diventata una costante quotidiana dell’agricoltura. E’ inutile investire risorse sul piano di sviluppo rurale per incentivare l’agricoltura di montagna e nelle zone svantaggiate se poi si consente ai selvatici di fare razzie e di depredare gli agricoltori del loro lavoro. Coldiretti, insieme agli agricoltori ed allevatori, scende in piazza nuovamente”. L’ultima volta era stato nel novembre del 2008. “Questo è una prima fase della mobilitazione. – conclude Fantini – Vigileramo con grande attenzione lo sviluppo di questa problematica la cui soluzione non può avere ulteriori ritardi e non può essere rimandata”.



Tag

Dolomiti, caos e disagi per la neve

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità