Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:25 METEO:PONTREMOLI15°  QuiNews.net
Qui News lunigiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali lunigiana
martedì 02 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morto il dj Claudio Coccoluto: il video di una delle sue performance

Attualità venerdì 05 giugno 2020 ore 15:47

Ponte crollato, sostegno economico per le imprese

La Regione Toscana stanzia 150mila euro per le imprese che hanno subito danni economici dopo il crollo del ponte di Albiano Magra



AULLA — Si tratta di un primo intervento della Regione per mitigare i danni subiti dalle imprese del territorio danneggiate dal crollo del ponte sul fiume Magra, avvenuto lo scorso 8 aprile. L’aiuto si concretizza in una dotazione da 150 mila euro. 

A questo scopo la giunta regionale ha approvato una delibera contenente una proposta di legge, ‘Intervento straordinario ed urgente per fronteggiare le gravi conseguenze economiche relative al crollo del ponte sulla SS330 Fiume Magra, nel territorio della Provincia di Massa Carrara’.

Le zone interessate sono i territori dell’Unione dei Comuni della Lunigiana (Aulla, Bagnone, Casola in Lunigiana, Comano, Filattiera, Fivizzano, Fosdinovo, Licciana Nardi, Mulazzo, Podenzana, Tresana, Villafranca in Lunigiana, Zeri) ed il Comune di Pontremoli. 

Lo stanziamento finanziario straordinario riguarda le imprese che, nel corso dell’emergenza sanitaria, sono state autorizzate a proseguire la propria attività da provvedimenti nazionali o previa autocertificazione alla competente Prefettura territoriale e per il periodo di attività effettivamente autorizzato.

Il sostegno sarà riconosciuto dall’8 aprile 2020 fino alla ricostituzione di una normale viabilità e comunque non oltre il 31 ottobre 2020.

"Il danno - si legge nella nota della Regione - subito dalle imprese commerciali, turistiche, della ristorazione e di servizi alla persona sarà quantificato in base alla differenza tra il valore del fatturato nel periodo considerato e il valore mediano del fatturato negli stessi periodi degli ultimi tre esercizi, riparametrati sullo stesso numero di giorni, previo abbattimento degli eventuali costi variabili non sostenuti nel periodo di riferimento ed una decurtazione del 20% quale quota imputabile al calo del volume d’affari causato dall’emergenza Covid 19". 

Per le attività manifatturiere sarà stabilito in base alla differenza tra il valore dei costi di trasporto e approvvigionamento registrati nel periodo considerato ed il valore mediano di tali costi negli stessi periodi dei tre esercizi precedenti, riparametrati sullo stesso numero di giorni.

Per le imprese attive da meno di un triennio la base del calcolo del contributo sarà determinata facendo riferimento al valore più basso di fatturato annuo e di costi variabili o dal valore più alto dei costi di trasporto registrato negli esercizi disponibili.

La misura massima del sostegno non potrà superare il 50% del danno quantificato, tenuto conto delle risorse disponibili e delle richieste pervenute. Inoltre le imprese beneficiarie saranno tenute al mantenimento dei posti di lavoro esistenti al 1 aprile 2020, fino alla data di erogazione del contributo, ed al rispetto dei diritti dei lavoratori. La giunta regionale adotterà gli atti per disciplinare concessione ed erogazione del contributo entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità