Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:15 METEO:PONTREMOLI-1°5°  QuiNews.net
Qui News lunigiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali lunigiana
venerdì 27 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, fiori e lacrime sul luogo dell'incidente. Un testimone: «L'auto ha colpito prima il palo e poi la pianta»

Attualità lunedì 05 dicembre 2022 ore 16:20

Febbre del Nilo, 5.000 test al mese sul sangue donato

sacche di sangue

Ad Agosto varie zone della Toscana erano entrate fra le zone di sorveglianza a seguito di casi registrati. Dalla Regione 357mila euro per i test



FIRENZE — Ammonta a 357mila euro lo stanziamento reso disponibile dalla Regione per effettuare test di controllo sul sangue donato e diffuso per evitare il rischio di contagio da virus responsabile della Febbre del Nilo (West Nile Fever), test che dal Luglio scorso marciano a un ritmo di oltre 5.000 al mese.

Lo scorso Agosto alcuni casi registrati in Toscana avevano portato all'inserimento della Città Metropolitana di Firenze e delle province di Pistoia e di Lucca fra le zone soggette a sorveglianza.

Quando accadde, la Regione aveva avviato i test già da alcune settimane. Da Giugno 2022, infatti, il Centro nazionale sangue aveva emanato una nota con cui raccomandava di utilizzare il test come alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che avessero trascorso almeno una notte in zone soggette a sorveglianza, l'elenco che da Agosto avrebbe accolto anche i territori toscani.

Tra Luglio e Ottobre 2022 i controlli sono costati 205mila euro a fronte di oltre 5.000 test effettuati ogni mese, e si prevede che altri 154mila euro saranno necessari per il 2023. Ecco quindi che la giunta regionale ha autorizzato la messa a disposizione delle risorse all’azienda ospedaliera universitaria senese delle Scotte, centro di qualificazione biologica di riferimento centrale che tramite Estar ha provveduto all’acquisto per tutto il territorio regionale.

Il virus del Nilo occidentale (West Nile virus) solo accidentalmente può infettare l’uomo, con assenza di sintomi o con sintomatologia pseudo-influenzale in soggetti sani, mentre può determinare un quadro più impegnativo in soggetti già compromessi che possono necessitare di trasfusioni. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La cometa verde non si avvicinava alla Terra da 52.000 anni e ora eccola. Quando scrutarla con gli occhi al cielo, ma 'transiterà' anche sul web
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità