Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PONTREMOLI13°25°  QuiNews.net
Qui News lunigiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali lunigiana
lunedì 17 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, Giuliano Sangiorgi riceve la chitarra di Pino Daniele dal figlio e si commuove

Attualità mercoledì 22 marzo 2023 ore 12:00

Siccità, in salvo solo un decimo della pioggia

acqua schizzi

Conservazione della risorsa idrica e dispersione a confronto nell'analisi degli agricoltori in occasione della Giornata mondiale dell'acqua



TOSCANA — Solo un litro di pioggia ogni 10 viene raccolto e salvato, mentre vengono dispersi in media oltre 41 litri ogni 100 immessi nelle reti di distribuzione dell’acqua: in un contesto di progressiva tropicalizzazione del clima che fa sentire i suoi effetti anche in Toscana, è sfavorevole il bilancio tra conservazione e dispersione della risorsa idrica definito dagli agricoltori di Coldiretti Toscana in occasione della Giornata mondiale dell'acqua che ricorre oggi 22 Marzo.

Lo 'sbilancio' idrico ha radice certo nella quantità di precipitazioni, che lo scorso inverno secondo i dati dell'associazione sono risultate superiori alla media nel mese di Dicembre (+54% ovvero +61 millimetri di acqua) e a Gennaio (+22%, ovvero +19 millimetri rispetto alla media del trentennio). 

Al bimestre è poi seguito un mese di Febbraio siccitoso (-47 millimetri, in percentuale è il -57%) e la scarsità di neve caduta in inverno rapidamente sciolta dalle temperature più alte della norma, hanno cristallizzato uno scenario di severità idrica media per la Toscana che ora guarda alla prossima estate con apprensione. Secondo il consorzio Lamma servirebbero 180 millimetri di pioggia nei prossimi due mesi per scongiurare un’altra estate di passione.

E poi c'è la dispersione idrica. Secondo dati Istat, illustra Coldiretti Toscana, dal punto di prelievo al rubinetto la rete idrica sul territorio regionale toscano disperde il 41,6% dell'acqua, con differenze tra le diverse province. Si va dal 55,8% di perdite lungo il tragitto dell’acquedotto della rete di Massa-Carrara al 25,5% di Arezzo, ma perdite superiori alla media regionale si registrano anche a Grosseto (52,5%), Prato (49,4%), Pistoia (42,7%) e Lucca (42,5%) e perdite importanti di acqua non risparmiano nemmeno le province di Firenze (40,2%), Pisa (38,4%), Siena (35,5%) e Livorno (32%).

tabella dispersione idrica toscana e province

"Dalla disponibilità idrica dipende la produzione degli alimenti base della dieta mediterranea - spiega l'associazione - dal grano duro per la pasta alla salsa di pomodoro, dalla frutta alla verdura fino al mais per alimentare gli animali per la produzione di formaggi, carni e salumi". 

E allora: che fare? Non sprecare acqua e stivarne di piovana quando c'è così da averla quando manca: "Dobbiamo cambiare rapidamente il nostro approccio culturale partendo dall’ottimizzare i consumi domestici - afferma il presidente regionale toscano di Coldiretti Fabrizio Filippi - e ammodernare la rete idrica. Evitare gli sprechi e mettere in pratica tutte quelle strategie per preservare la risorsa. E dobbiamo migliorare la raccolta delle acque piovane: oggi tratteniamo solo l’11%. Dobbiamo arrivare al 50%". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco le opportunità proposte dai Centri Impiego di Massa Carrara e provincia, lavori a tempo indeterminato e determinato ed apprendistato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità