QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTREMOLI
Oggi 17°30° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lunigiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali lunigiana
martedì 20 agosto 2019

Attualità mercoledì 13 marzo 2019 ore 10:38

Tavolo tecnico per dare risposte al territorio

Sanità, in Regione è stata approvata una proposta di risoluzione presentata dai consiglieri del Partito democratico Bugliani, Scaramelli e Giovannetti



FIRENZE — La Giunta regionale è impegnata a costituire un tavolo che analizzi le criticità nella sanità segnalate dai Comitati Sos Salute Lunigiana e Comitato in difesa del diritto alla salute della Lunigiana. Il tavolo deve coinvolgere le Istituzioni regionali e locali, Asl, rappresentanti delle associazioni locali maggiormente rappresentative. E’ quanto prevede la risoluzione sottoscritta da Giacomo Bugliani (Pd), Stefano Scaramelli (Pd) e Ilaria Giovannetti (Pd), e approvata dall’Aula di palazzo del Pegaso.

Il fine, ha ricordato il consigliere Bugliani nel corso dell’illustrazione, è quello di “dare risposte concrete ai territori disagiati” e anche di “sostenere e rafforzare” l’assistenza sanitaria nelle zone periferiche e montane, con particolare attenzione al territorio della Lunigiana.

Le criticità già segnalate dai Comitati lo scorso ottobre, nella commissione Sanità del Consiglio regionale, rispondevano a una mozione votata dal Consiglio in merito alla sanità della Lunigiana. In audizione i rappresentanti dei Comitati sono intervenuti per richiedere, in particolare, di mantenere i presidi ospedalieri sul territorio (Pontremoli e Fivizzano) e favorire la crescita dei servizi; assicurare un medico anestesista a Fivizzano e istituire un servizio di guardia medica pediatrica; potenziare la presenza di infermieri al Pronto soccorso di Pontremoli e garantire un medico per il trasporto assistito.

Ad annunciare il voto favorevole sono intervenuti Andrea Quartini (M5S), Paolo Sarti (Sì Toscana a sinistra) e Monica Pecori (Gruppo misto Tpt), che hanno espresso apprezzamento per i Comitati che hanno difeso la sanità pubblica, sottolineando che in Toscana ci sono altri territori disagiati. Da qui l’auspicio che non si debba ogni volta arrivare a proposte di risoluzione, in seguito a proteste dei cittadini e quindi l’invito a svolgere valutazioni a monte.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità