QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTREMOLI
Oggi 10° 
Domani 6° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lunigiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali lunigiana
venerdì 28 febbraio 2020

Attualità lunedì 20 febbraio 2017 ore 11:17

Tagliato l'acquisto di ossigeno per le ambulanze

Asl ha fatto dei tagli sulle spese dell'ossigeno per quanto riguarda le Pubbliche Assistenze, e Biglioli (Fi) proprio non ci sta



AULLA — Nuovi tagli che vanno a colpire il volontariato e le pubbliche assistenze della Lunigiana. Questa volta tocca alle bombole di ossigeno, ma il giovane di Forza Italia Nicola Biglioli non riesce ad accettare una decisione simile. 

“Una cosa vergognosa e indecente, l’assessore Saccardi dov’è?” Esordisce così in una nota Biglioli: "Da ormai più di un anno l’ASL non compra più l’ossigeno alle Pubbliche Assistenze. Per le ambulanze le pubbliche devono comprarselo, e in maniera molto ridotta. Una cosa vergognosa e indecente, come può un'azienda sanitaria costringere una Pubblica Assistenza a comprarsi l’ossigeno, e oltretutto in maniera molto parsimoniosa.

"Oltre a tutti i tagli fatti alla sanità, ora sono arrivati anche i tagli alla salute dei cittadini. La direttrice generale non ha a cuore la salute dei cittadini, l’assessore Regionale alla sanità, Saccardi, cosa fa? Ancora una volta - continua il giovane Biglioli - siamo davanti all’ennesimo menefreghismo da parte della Regione Toscana, e dell’assessore Saccardi, in Lunigiana abbiamo moltissimi problemi a livello di sanità, non abbiamo più un’ospedale come si deve, per effettuare una semplice ecografia ci vogliono almeno 260 giorni, un PPS ridotto a stare in uno sgabuzzino, volontari del 118, costretti ad andare sugli interventi da soli poiché la centrale operativa non invia il medico."

Sulle condizioni del Primo Soccorso: "Pochi giorni fa è accaduto un’ennesimo fatto increscioso, alla SDS di Aulla, una donna con il figlio che aveva un malore, è stata più di mezz’ora davanti al cancello d’ingresso della SDS ad aspettare che qualcuno aprisse, mentre il figlio era in macchina che stava male, dopo mezz’ora si sono degnati di aprire il cancello e mandare un'autoambulanza.”

“La sanità - conclude Biglioli - è un diritto umano, non è un lusso e queste persone che in fondo all’anno prendono milioni di euro, ce ne stanno privando."



Tag

Conte soccorre signora che cade per chiedergli un selfie

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità