QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTREMOLI
Oggi 15°28° 
Domani 15°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News lunigiana, Cronaca, Sport, Notizie Locali lunigiana
domenica 18 agosto 2019

Attualità mercoledì 31 agosto 2016 ore 20:19

​Costa Mauro costretto a chiudere

Confindustria La Spezia ripercorre la storia della Costa e si rivolge alla Regione Toscana per salvare un'azienda sana e il futuro di 57 famiglie



ALBIANO — Dal 2010, la ditta Costa Mauro ha portato avanti la sua attività, di proroga in proroga, attendendo un’autorizzazione definitiva che, a causa di una serie di fattori negativi ad essa non imputabili, non è mai giunta a compimento: ciò rappresenta una forte anomalia negli iter autorizzativi che ha gravemente limitato la capacità imprenditoriale e la possibilità di sviluppo e di miglioramenti ambientali, ulteriori a quanti già attuati, che l’azienda avrebbe messo in opera. Oggi però la ditta Costa è costretta a chiudere perché non ha ottenuto dalla Provincia il rinnovo dell’Autorizzazione ambientale necessaria al proseguimento dell’attività. Si apre così la procedura di licenziamento collettivo per tutti i lavoratori che, fra dipendenti diretti e indotto, ammontano a 57 persone.

Tutto è ora nelle mani della Regione Toscana nella speranza che un tavolo tecnico/politico, che dovrà essere convocato al più presto, possa individuare delle soluzioni in grado di salvare il futuro di 57 famiglie. Confindustria si chiede se in questo periodo di crisi economica che ha determinato la chiusura di tante attività produttive ed il licenziamento di altrettante persone non si senta l’esigenza da parte delle Istituzioni di attivare rapidamente qualsiasi strumento e mediazione che possa permettere di salvare un’azienda sana in grado di garantire così tanti posti di lavoro sia per la Provincia di Massa Carrara che per quella della Spezia visto che tanti lavoratori risiedono nelle aree limitrofe liguri. A fronte delle tante accuse che le vengono rivolte, è bene chiarire, sostiene Confindustria, che i numerosi controlli cui l’azienda è stata soggetta negli anni hanno dato sempre esito negativo, e che le varie sentenze del TAR e del Consiglio di Stato le hanno sempre dato ragione. Per questo Confindustria La Spezia si rivolge a tutti gli attori coinvolti, in primo luogo agli Assessori della Regione Toscana all’Ambiente e difesa del suolo Fratoni ed al Lavoro Simoncini auspicando una pronta operatività del tavolo tecnico/politico, dal quale poter far emergere, tenendo conto di ogni diversa legittima istanza, una soluzione concertata e condivisa che allontani il licenziamento certo per i lavoratori della Costa Mauro.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità